Curiosità
vai a elenco
Come funziona il sistema autofocus delle fotocamere?

Esistono diversi metodi per mettere a fuoco automaticamente l’immagini in queste apparecchiature. Tutti si basano su sistemi che governano un piccolo motore che ruota l’obiettivo per variare la sua distanza dal piano della pellicola.

Il sistema più diffuso è detto a contrasto di immagine.
Utilizza un sensore luminoso sul piano focale della lente della macchina che individua il fuoco giusto attraverso il massimo contrasto che ha l’immagine. Infatti, quando un’immagine non è a fuoco, questa non è solo confusa, ma perde anche contrasto. Il massimo contrasto tra i suoi elementi, invece, si ha quando è perfettamente a fuoco.

Altri metodi usano raggi infrarossi o onde ultrasoniche per determinare la distanza tra la macchina e l’oggetto fotografato.

Ma il primo, per esempio, non funziona attraverso i vetri di una finestra. Entrambi però possono funzionare bene anche al buio o con scarsissima illuminazione, mentre il metodo a contrasto di immagine diviene meno efficace a mano a mano che la luminosità dell’ambiente si attenua.

Alcune fotocamere utilizzano così una combinazione di questi sistemi, scegliendo automaticamente quello ottimale a seconda delle circostanze.
Condividi con i tuoi amici
Ciccina.it®  è una realizzazione Art Design
Tutti i diritti riservati.